Federico D'Ambrosi

Federico d’Ambrosi ci porta “dentro il buio”, il buio che precede la luce, in una dimensione astratta, incorporea, e lo popola con un suono che trascende la mente. L’esperienza di musicista e di scenografo si uniscono all’animo di artista per condurci in una dimensione oltre. In “MEDUSA” cancella il senso del tempo, i capelli della   Read More …

“Sorti Bianche” Dalle ceneri di lavori e forze lavoro perse. Idee per il lavoro che può rinascere, ma soprattutto come migliorare le condizioni e la qualità di ciò che abbiamo.Il Ready Made che compone l’installazione allegorica è caratterizzato da alcuni strumenti particolari. Scarti ed elementi di lavorazione che vanno dall’industria all’artigianato,dall’edilizia alle belle arti. Una   Read More …

La voglia di sconfiggere il simbolo e l’oggetto misuratore del tempo strutturato che condiziona un pensiero costretto. Il numero la misura e la grandezza delle “corde” per i capelli/serpenti della Medusa sono tutte multipli e sottomultipli delle ore, il quarzo è la vernice stesa sull’opera, i cristalli al quarzo sono quelli utilizzati negli orologi, il   Read More …

   

   

Olio, Tela, 100 x 120 x 5 cm, 2012 “Munch 22 Luglio 2011″ Angoscia, terrore e smarrimento si ripetono con la stessa crudeltà. Le cause hanno altri colori, le forme che le creano non possono che mutare negli aspetti, seppur distanti però, hanno sempre qualcosa in comune.

  Pittura, Acrilico, Tela, 30 x 30 x 4 cm, 2009